Incendio alto rischio segatura esplosiva falegnamerie ad elevato rischio

Ambienti Esplosivi

In diverse condizioni ambientali, la capacita delle polveri di divenire potenzialmente esplosive, e non solo la segatura del legno, che è già di per se molto sensibile alle alte temperature, è importante sottolineare che se ci troviamo in contesti dove vengono lavorati: Alluminio, Plastica, Pesticidi, composti Farmaceutici o composti organici come zucchero, latte in polvere, grano e ovviamente legname ecc. già siamo in ambienti potenzialmente ESPLOSIVI, dunque non solo il legno, come sembra più logico credere si può incendiare, tuttavia in questo articolo parleremo solo delle falegnamerie.
Prevenire è meglio che curare, è una frase fatta ma non sottovalutiamola!

Le falegnamerie

Le strutture per la lavorazione del legno sono particolarmente a rischio di incendio a causa dell’abbondante produzione di segatura, che ad alte temperature si accenderà e brucerà molto più facilmente di interi pezzi di legname.Sega Circolare
Una semplice scintilla, provocata da utensili, potrebbe innescare un’esplosione se la segatura è all’interno di un silos.

 

Materiali d’innesco e alimentazione fuoco

Il comportamento al fuoco del legno peggiora quando è presente sotto forma di pannelli di particelle, fibre o melaminici, il cui elemento base è il legno, ma che contengono nel loro rivestimento anche altri elementi, di per sé combustibili o infiammabili, come colle, polimeri o vernici.
Se questi dati vengono trasferiti alla configurazione più consueta di uno stabilimento per la lavorazione del legno o di uno stabilimento per la produzione di mobili in legno, la densità del carico di incendio in questa tipologia di locali va da 500 MJ/m2 a 600 MJ/m2, mentre nelle aree di stoccaggio può raggiungere 800 MJ/m2.

Altre materie prime utilizzate negli impianti di lavorazione del legno che devono essere tenute presenti al momento dell’analisi dei pericoli in questo tipo di locali sono:

• Prodotti chimici: colle, sigillanti, vernici, coloranti, lacche, pitture, solventi e altri prodotti di finitura.
• Pelle, tessuto, fibre e schiume organiche (es. poliuretano), se si eseguono operazioni di rivestimento.
• Materiali di imballo: scatole di cartone, plastica per termoretraibile e angolari in cartone o plastica.
• Elementi metallici (ferri), come viti, cerniere, serrature e rivetti.

L’attività stessa di uno stabilimento per la lavorazione del legno comporta una serie di pericoli sia per i lavoratori che per l’azienda.

Rischi per i lavoratori

I lavoratori dell’industria della lavorazione del legno possono essere interessati da molti gravi pericoli dal punto di vista della salute e sicurezza sul lavoro. Questi sono causati principalmente da attrezzature e strumenti di lavoro, nonché da altri elementi secondari prodotti durante le operazioni abitualmente svolte in questi locali:
Tagli e intrappolamenti di oggetti mobili. Questo tipo di pericolo è più comune quando si utilizzano pialle,
ned: incendio, esplosione o eventuale responsabilità civile verso terzi, responsabilità dei dipendenti e anche responsabilità ambientale.
trapani, seghe circolari o toupie, tra gli altri. La prevenzione di questo pericolo richiede l’esistenza di difese protettive nel punto di manipolazione di seghe e altre attrezzature di taglio, nonché di ingranaggi, cinghie, catene, pignoni e punti di intrappolamento di trasportatori e rulli. Devono essere posizionate ringhiere o gabbie accanto alle macchine in prossimità delle aree di transito del personale, e devono essere predisposti anche sistemi di pulsanti a doppia manovra per arrestare le macchine in caso di emergenza.

Possibili cause di innesco

Indubbiamente, uno degli aspetti più critici legati alla lavorazione del legno negli stabilimenti dove il legno viene trasformato e manipolato è il pericolo di incendio. È dovuto principalmente alla coesistenza di un materiale combustibile (allo stato solido e polverulento “la segatura“) insieme a più fonti di innesco, alcune delle quali stabilmente presenti. Inoltre, la presenza di materiali infiammabili (vernici, colle o solventi) facilita la propagazione dell’incendio, con la possibilità di provocare conseguenze devastanti.segatura
Le principali fonti di innesco sono le seguenti:
• Elettricità: il sottodimensionamento e la mancanza di manutenzione nei quadri elettrici, nei locali di bassa e alta tensione e nei trasformatori possono causare guasti elettrici con conseguenti incendi.
• Operazioni di taglio, saldatura e lavorazioni a caldo in genere.
• Scintille di attrito o sfregamento in macchine, tubi di scappamento di carrelli elevatori diesel, nonché scintille prodotte in impianti di aspirazione di segatura, trucioli e polveri di carteggiatura, causate da corpi estranei.
• Dispositivi di riscaldamento inadeguati (stufe, bracieri, ecc.).
• Incendio doloso: definito come “il reato di appiccare dolosamente, volontariamente e volontariamente il fuoco a beni altrui o di bruciare i propri beni per uno scopo improprio”.
• Fumatori.
• Nelle cabine di verniciatura, dove si eseguono operazioni di laccatura, smaltatura e verniciatura, si producono atmosfere esplosive dovute alla miscela di vapore e aria, nonché le nubi di polvere.
• Atmosfere di polvere di legno e segatura. La polvere derivante dalla levigatura e dalla lavorazione di alcuni tipi di legno è suscettibile di infiammarsi molto rapidamente e causare un’esplosione. E’ fondamentale mantenere l’ordine e la pulizia per evitare pericolosi accumuli e, soprattutto, dotare le apparecchiature da cui sono prodotte di sistemi di aspirazione polveri e segatura per il loro trasporto e deposito in silos posti all’esterno dell’edificio industriale. Questi silos devono essere svuotati frequentemente per evitare l’autocombustione.

Protezione e prevenzione incendi


I tipi di incendio più prevedibili in un impianto di lavorazione del legno sono: Classe A, incendio che coinvolge materiali solidi (principalmente legno, segatura, trucioli di legno, oltre ad accumuli di bancali, panni sporchi, cartoni, ecc.) e Classe B, che coinvolge combustibili liquidi o solidi liquefacibili.
Le raccomandazioni relative ai necessari mezzi di protezione attiva antincendio in un impianto di lavorazione del legno possono essere prioritarie raggruppandole in due diversi livelli.
Livello di base
Una volta che l’incendio è divampato, i mezzi di protezione devono impedirne la propagazione, tanto più quando vi è una grande densità di materiale combustibile o infiammabile, come nel caso qui trattato. I mezzi essenziali di protezione antincendio sono i seguenti:
• Estintori. È importante dotare l’edificio di un certo numero di estintori portatili ad uso di personale debitamente addestrato. Gli estintori devono avere le caratteristiche riportate nella seguente tabella:

Tipo

Prima valutazione e utilizzo estinguenti appropriati.

ABC Polvere secca

Da utilizzare su qualsiasi tipo di combustibile

CO2

Per uso su combustibili liquidi e apparati elettrici, quadri di comando ecc.

Acqua

Per combustibili solidi. Nel caso contenga una percentuale di schiumogeno, può essere usata su combustibili liquidi.

Il sistema di rilevamento fumi e temperatura

In questo tipo di industrie dovrebbe essere installato un sistema automatico di rivelazione incendi, principalmente a causa di possibili incendi incipienti che possono rimanere latenti per un certo tempo e svilupparsi al di fuori dell’orario di lavoro. Questi sistemi sono obbligatori per edifici con una superficie edificata superiore a 250mq
Questo sistema di rilevamento dovrebbe essere installato insieme ai pulsanti di allarme distribuiti in modo che
la distanza minima percorsa da qualsiasi punto a un pulsante di allarme è inferiore a 25 m. I rivelatori di incendio e i pulsanti di allarme devono essere preferibilmente collegati a una centralina di allarme in grado di intervenire o emettere gli avvisi appropriati in caso di incendio.

Per valutare il rischio incendio della tua attività, puoi contattarci in ogni momento, il sopralluogo è gratuito due esperti valuteranno il grado di rischio e ti proporranno la soluzione più opportuna ed economicamente vantaggiosa.

Per qualunque esigenza puoi contattare lo staff usando questo modulo o se preferisci chiama il +39 348 6727882 oppure +39 3358173283 per un contatto immediato.
* *campi obbligatori
la tua richiesta max 200 caratteri

Controllo accessi prevenzione violazione area di lavoro vizatronix

Non ci sono dubbi sull’importanza di un buon sistema di sicurezza per proteggere dipendenti, clienti e proprietà da visitatori indesiderati. Posizionare strategicamente le telecamere all’interno dell’edificio è un ottimo modo per monitorare la tua attività e può aiutare a mantenere i dipendenti al sicuro e i dati proprietari fuori dalle mani sbagliate.

Inoltre, avere un sistema di sicurezza con allarmi e telecamere all’esterno dell’edificio proteggerà la tua attività durante gli orari di chiusura ed è un deterrente per potenziali vandali e ladri che entrano nella tua proprietà.controllo accessi

Ma per quanto riguarda gli ospiti e i potenziali clienti che entrano nella tua proprietà con buone intenzioni? possono, a un certo punto, diventare il trasgressore?

La risposta è semplice, sì!

Cos’è un trasgressore?

Clienti attuali, potenziali clienti o altri ospiti possono diventare trasgressori se la loro attività si conclude o quando revochi il loro invito e continuano a bighellonare nell’atrio, nel parcheggio o all’esterno dell’edificio.

Qual è il modo migliore per evitare che clienti, potenziali clienti e ospiti diventino trasgressori?

  1. Installare sistemi di controllo degli accessi
  2. creare dispositivi ID nominativi 

Integra il tuo sistema di controllo degli accessi nel tuo sistema di sicurezza esistente

Sistemi di controllo degli accessi

Un sistema di controllo degli accessi di VIZATRONIX limiterà il traffico nel tuo ufficio, laboratorio, magazzino ecc. sia per la sicurezza dei tuoi dati proprietari che per la sicurezza dei tuoi dipendenti. Avrai il controllo completo dell’ingresso dell’edificio, dell’accesso agli ascensori, dell’accesso a livello di sicurezza alle porte interne e altro ancora attraverso un sistema semplice e facile da usare.

Indipendentemente dal fatto che la tua azienda lavori in un singolo edificio, più edifici o affitti più piani in un edificio condiviso, disporre di un sistema di controllo degli accessi ti darà la possibilità di conoscere e controllare chi entra nel tuo spazio di lavoro.

Dispositivi di identificazione

Limitare chi può accedere alla tua attività aiuta a impedire a personale sconosciuto o indesiderato di entrare nella tua proprietà, ma non fa nulla per impedire alle persone di accedere a spazi indesiderati una volta all’interno.

Per limitare l’accesso all’interno del tuo spazio di lavoro, affidati a dispositivi di identificazione come lettori di schede, portachiavi, PIN o dati biometrici per tenere le persone lontane da posizioni indesiderate. Per i dipendenti, questi dispositivi possono essere permanenti e riprogrammati per concedere nuovi accessi man mano che le funzioni lavorative cambiano, ma offrono anche una protezione aggiuntiva contro gli ospiti che accedono ad aree private.

Puoi rilasciare dispositivi di identificazione temporanea agli ospiti che limitano l’accesso alle aree private e hanno un limite di tempo che scade una volta conclusa l’attività. Ridurre l’accesso alle sole aree pubbliche, come la hall, impedirà agli ospiti di prolungare il loro benvenuto e diventare intrusi.

Esistono molti tipi diversi di dispositivi ID e vantaggi e svantaggi per ogni stile in base alle esigenze aziendali specifiche. Per scoprire quale dispositivo funzionerebbe meglio per te, contatta un esperto VIZATRONIX e assicurati che solo il personale autorizzato abbia accesso al tuo spazio di lavoro.

Giuseppe Mazzitelli, installa sistemi di sicurezza dal 1985, da oltre 15 anni ROKONET e RISCO, sono il tuo unico interlocutore per il tuo sistema di sicurezza, controllo accessi e antincendio.

Il nostro team è composto da collaboratori esperti nel campo elettrico ed elettronico.